Scuola: costruiamo il futuro

CHI

Amici di Julie Onlus nasce nel 2011 con l’obiettivo dell’empowerment di alcune comunità rurali nel sud della Tanzania. Lontana da un’impostazione paternalistica e assistenzialista, la vision che ne ha ispirato l’attività è che il processo di crescita di una comunità non possa prescindere da un’istruzione diffusa e di qualità e da un adeguato sistema sanitario di base. Per questa ragione Amici di Julie ha realizzato progetti di sostegno a distanza, ha elargito borse di studio, ha partecipato alla costruzione o alla ristrutturazione di edifici scolastici e ha dotato di un ecografo un presidio sanitario che ne era sprovvisto.

Per saperne di più: www.amicidijulie.com

DOVE

Nella regione di Njombe, nella Tanzania meridionale, più del 50% della popolazione vive priva di elettricità e il 40% senza acqua potabile.
L’aspettativa di vita media è di 52 anni. 1 adolescente su 10 non ha mai frequentato la scuola in vita sua. Il 70% delle donne sono già sposate a 20 anni e il 50% ha già partorito almeno un figlio a 19 anni. Negli ultimi anni Amici di Julie ha concentrato la sua attività nella comunità di Nyakipambo, dove è presente un solo, semplice dispensario sanitario: un progetto apposito di Amici di Julie è volto alla trasformazione dell’attuale struttura in un vero e proprio ospedale con personale medico e infermieristico.

CHE COSA

A Nyakipambo ha sede anche la Lumetti VTC School, l’unica scuola secondaria professionale della zona, che tiene corsi di sartoria per le ragazze e di muratura e carpenteria per i ragazzi. Un’istruzione professionale di qualità sarebbe uno strumento imprescindibile per il processo di crescita, economica e sociale, della comunità. Ma la scuola serve un bacino territoriale molto ampio e la sua frequenza da parte dei giovani locali è limitata da diversi fattori: in primo luogo le pessime condizioni in cui versano le strade, ma anche la notevole distanza dalla scuola dei villaggi limitrofi. Inoltre, presso la scuola c’è un dormitorio che ospita i ragazzi – alcune ragazze invece dormono presso la parrocchia locale – ma la struttura è a dir poco fatiscente: non c’è acqua corrente e nemmeno scarichi fognari per i bagni. La corrente elettrica è assicurata da un impianto precario e assolutamente provvisorio. In queste condizioni solo 40 giovani locali possono frequentare – per lo più saltuariamente – le lezioni che vi si tengono; tutti gli altri sono esclusi dall’unica opportunità concreta di crescita personale e professionale. Per di più il VETA, branca del Ministero dell’Istruzione tanzaniano, ha formalmente richiesto nel marzo 2017 alla Lumetti VTC School una radicale ristrutturazione della struttura, pena il cessato riconoscimento della scuola. Senza un riconoscimento formale, la Lumetti non riceverebbe più contributi statali, insegnanti qualificati e non potrebbe più rilasciare diplomi validi.

PERCHÉ

Amici di Julie ha perciò lanciato la campagna Future Builders per raccogliere i 20mila euro necessari a completare la ristrutturazione della Lumetti VTC School (vedi progetto) entro Ottobre 2017. La campagna ha in realtà un duplice obiettivo: da un lato la raccolta fondi, per offrire agli attuali studenti una struttura più adeguata e dignitosa, dall’altro sensibilizzare e stimolare le famiglie con figli e figlie adolescenti a credere nell’istruzione professionale dei giovani della zona. Una comunità economicamente autosufficiente, più prospera ma anche sempre più libera da discriminazioni di genere. Questo è il futuro che Amici di Julie vuole costruire insieme a Nyakipambo.

SAPEVI CHE…

La campagna Future Builders lanciata da Amici di Julie ha tratto ispirazione dalla massima di Muhammad Yunus, ideatore del sistema del microcredito moderno e Premio Nobel per la Pace nel 2006:

Fare soldi è una felicità, e questo è un grande incentivo. Rendere altre persone felici, inoltre, è una super-felicità

Muhammad Yunus

L’istruzione professionale è quindi solo il primo passo verso un’emancipazione individuale prima e comunitaria poi; i giovani studenti della Lumetti VTC School credono fermamente nella possibilità di essere costruttori del loro stesso futuro. Sono dei Future Builders, per l’appunto.

 

Dona Ora